BannerScacchi!Banner


Aneddoti e curiosità - La cappella più grande


La cappella, come tutti sanno, è un errore clamoroso o pacchiano. Naturalmente la storia scacchistica è costellata di partite condite da sbagli assurdi o da sviste imperdonabili. Anzi, se così non fosse gli scacchi non sarebbero neppure divertenti!

Tuttavia sarebbe spontaneo pensare che è impossibile che un campione di grande fama incappi in una cappella talmente grossa da fargli perdere una partita già dopo pochissime mosse dall'inizio. Eppure è proprio ciò che accade nella seguente famosa partita:

Reti - Tartakower (Vienna, 1910)  Replay

Difesa Caro-Kann, sistema classico

1 e4, c6; 2 d4, d5; 3 Cc3, d:e4; 4 C:e4, Cf6; 5 Dd3?!, ...

Qui molto più giocata è 5 C:f6+ costringendo il Nero ad un'impedonatura...

5 ..., e5; 6 d:e5, Da5+; 7 Ad2, D:e5; 8 O-O-O! (tendendo una trappola), C:e4??;

La cappella più grande  Posizione dopo la mossa 8 Cf6:e4


Una mitica cappella! Il Nero ovviamente credeva che il Bianco avrebbe giocato 9 Te1, Af5; 10 f3 per riprendersi il Cavallo appena perso, invece...

9 Dd8+!!, R:d8; 10 Ag5++!, abbandona. 1-0

Infatti al Nero resta la scelta fra la funesta 10 ..., Re8; 11 Td8#  e l'altrettanto poco gratificante 10 ..., Rc7; 11 Ad8#.

Essere Grandi Maestri e perdere in appena 10 mosse non è davvero da tutti! Indice


Prima pagina Inizio pagina Pagina precedente Pagina successiva Banner



Autore: Andreas Vogt ® 1998