BannerScacchi!Banner


Catalogo delle aperture - Gambetto Englund

A40Gambetto Englund
 Vantaggio del BIANCO:Non Disponibile

È un gambetto decisamente raro, per quanto vi sia stato negli ultimi tempi un certo interesse nei suoi riguardi, in particolare per quella continuazione nota con il nome di variante (o Gambetto) Blackburne-Hartlaub. Tuttavia le motivazioni vanno probabilmente ricercate più nell'effetto sorpresa che in un effettivo valore dell'apertura.

Lo scopo del Nero è di sacrificare un Pedone nel tentativo di accelerare lo sviluppo dei propri pezzi e di rallentare quello dei pezzi avversari. Ciò può comunque accadere soltanto se il Bianco mira ad una passiva conservazione del Pedone guadagnato. Di fronte a continuazioni più energiche il piano del Nero in genere mostra parecchi limiti.

1 d4, e5;

Gambetto Englund  Posizione base del Gambetto Englund


Ecco le principali continuazioni:
  • 2 d:e5, ...
    • 2 ..., Cc6 (variante classica)
    • 2 ..., d6;
      • 3 e:d6 (variante Blackburne-Hartlaub)
      • 3 Cf3 (variante posizionale)
    • 2 ..., f6 (variante Soller)
  • 2 e3 (Gambetto Englund rifiutato)

Barra statistica basata sui risultati di 56 partite dei tornei tematici ( 0 )
59%18%23%

( 0 ) La barra statistica ha le lunghezze dei segmenti di color bianco, grigio e nero proporzionali rispettivamente alle percentuali di vittoria del Bianco, di patta e di vittoria del Nero. E', ovviamente, un indicatore da prendere un po' con le pinze finché non sarà disputato un numero maggiore di tornei tematici su questa variante.


DownloadLibri d'apertura (2 KB, in formato Arena e ChessBase)
Download56 Partite fra motori CB e UCI ( 1 ) (19 KB, in formato PGN)


( 1 ) Torneo tematico GaEngl00-A con, in ordine di classifica, Fritz 7, Shredder 6, Shredder 8, Gambit Tiger 2.0, Hiarcs 8, Junior 8, EXchess 4.03 e Comet A98. Partite blitz 5'+3" giocate su NB Intel Celeron M360 1400 con 248 MB di RAM DDR333 (CPUmark 99 = 167; FPUmark = 7722; Deep FritzMark = 1098).


Prima pagina Inizio pagina Pagina precedente Banner



Autore: Andreas Vogt ® 1998